Non vogliono più i topi fra i coglioni, e faranno di tutto, anzi lo stanno già facendo, per eliminarli.

Se sei stato costretto agli arresti domiciliari all’inizio del 2020 (lock-down), senza aver commesso nessun crimine, e se sei costretto a ubbidire alle regole create per contenere la falsa pandemia, allora sei parte dei topi, cioè sei parte della classe sociale massa, degli istituzionalizzati, e come tale sei condannato a perdere tutti i diritti e a vivere da recluso e come un sorvegliato speciale, per il resto dei tuoi giorni. Lo stesso vale per i tuoi figli.

L’ultima cosa che vogliamo sentirsi dire, è che non valiamo nulla, che siamo topi, ma questa è la verità per il 90% della popolazione, per i pessimi produttori, i pessimi contributori, che consumano molto più di quanto producano e, tutti insieme, sono un danno alla società e al progresso dell’umanità.

Per la maggior parte, siamo topi, siamo inutili a fini produttivi, e siamo anche feccia, perché molte persone al mondo oggi, sono più brave a causare danno che a procurare benessere, non solo agli altri ma anche a se stessi.

E’ arrivato il momento di togliersi la feccia dai coglioni, e quello che stai per leggere è la verità che nessuno, fra coloro che la conoscono, dice, almeno non pubblicamente, perché la verità fa male e potrebbe causare ripercussioni sociali indesiderate, su scala globale.

Sono verità che disturbano, ma sono le verità che bisogna accettare come tali, se ci vogliamo salvare e se vogliamo continuare a vivere come uomini veri, non come topi o come schiavi.

La massa è spacciata, perché la gente non è capace di accettare la verità e perché educati a rimettersi alla volontà di altri (del divino salvatore o dei governanti) ma alcuni possono salvarsi, che sono quelli che hanno tanta fame di vita vera, che non ci stanno a vedersi portare via tutto di sotto il naso (eliminazione della proprietà privata = espropriazione di beni e di proprietà mobiliari e immobiliari)


Continua