In breve, siamo troppi, consumiamo troppo e, nella maggior parte dei casi, produciamo pochissimo. Si stanno per sballare gli equilibri fra produttività e consumi, e questo sta causando molto malessere e molta sofferenza a molte persone sulla Terra, nonché all’eco-sistema su cui si basa la vita sul nostro pianeta.

Con il passare degli anni, la situazione peggiora sempre di più, e se nessuno intervenisse, arriveremmo al collasso globale, cioè all’ingrippo della macchina produttiva su cui si basa la vita dell’uomo e il progresso dell’umanità, il che porterebbe conseguenze drammatiche per l’umanità e non solo.
Bene, qualcuno sta intervenendo, e questi sono i leader di tutti i paesi del mondo, che allineati secondo un programma chiamato Agenda 21, puntano a eliminare gli eccessivi consumatori, cioè quelli che producono poco e che, nell’insieme, consumano troppo. Sono una zavorra al progresso, una zavorra che va eliminata, per garantire alle nuove generazioni, un mondo in cui poter prosperare.

E’ quello che molti oggi conoscono come grande reset, che non è altro che un’operazione per il ripristino degli equilibri fra produttività e consumi, nonché degli equilibri della distribuzione della ricchezza, che ha raggiunto un livello di disuguaglianza, a dir poco osceno.

Lo scopo finale è quello di creare un mondo migliore, un mondo in cui gli uomini potranno vivere in equilibrio perpetuo con la natura.

Quello che sta succedendo fin dall’inizio del 2020, con la scusa del Corona Virus, un’influenza stagionale spacciata per peste bubbonica, è l’inizio della fine per moltissime persone, condannate all’eliminazione, dopo esser state private di tutti i diritti, compresi quelli alla libertà di spostamento e alla procreazione. Si, toglieranno alla gente il diritto di spostarsi liberamente e gli verrà impedito di riprodursi. Ma questo è solo una parte di quello a cui sono condannate le masse. Il resto lo dirò solo a chi si avvicinerà interessato a risolvere, cioè a salvarsi.

Tutto questo, lo ripeto, per eliminare gli eccessivi consumatori e quelli che non sono più utili a fini produttivi, che stanno per essere rimpiazzati dalle macchine, all’interno di organizzazioni pubbliche e private.

I primi ad andarsene, saranno gli anziani, vittime dei virus creati in laboratorio (il Covid-19 è stato creato in un università della Carolina del Nord, negli Stati Uniti d’America), e dei vaccini, poi toccherà anche ai più giovani, sempre di più, che verranno rimpiazzati dalle macchine, che con gli anni diventeranno sempre più capaci e sempre più utili a fini produttivi. Con il passare degli anni, il numero degli uomini rimpiazzabili dalle macchine aumenterà sempre di più, lasciando sempre più uomini senza lavoro, che non potranno più esistere, perché sarebbero un peso troppo grande, insostenibile, per la società.

Se non fai parte dell’élite milionaria che fa soldi anche mentre dorme, hai un gran problema da risolvere, che ripeto si chiama perdita di tutti i diritti e schiavitù eterna, cioè fino all’ultimo dei tuoi giorni. E’ un problema che può essere risolto, ma non da tutti, anzi da pochi, che sono quelli che hanno molta fame di vita vera, cioè quelli che non si accontentano di sopravvivere, come animali, ma che vogliono vivere, come uomini veri.

La soluzione è una questione di produttività e di contribuzione al progresso sociale; solo chi produce parecchio e contribuisce parecchio al progresso, potrà salvarsi da fare la fine del topo

La popolazione mondiale è oggi divisa in due gruppi di persone, super produttori e eccessivi consumatori. I primi contribuiscono molto allo sviluppo sociale e al progresso dell’umanità, più precisamente contribuiscono molto a far funzionare e crescere la macchina produttiva su cui si basa la produttività e il progresso sociale, i secondi, invece, oltre che a non contribuire più o a contribuire pochissimo, la rallentano. A differenza degli animali, il cui interesse è quello di portare avanti la specie, l’uomo si da da fare per farla progredire e per farla evolvere. Chi non contribuisce al progresso e allo sviluppo, cioè chi non è utile in tal senso, non può esistere. un terzo della popolazione è considerata una zavorra al progresso dell’umanità, una zavorra i padroni del mondo, quelli che hanno il potere di decidere per tutto e per tutti sulla Terra, vogliono eliminare.

Con l’aumentare della produttività delle macchine, che dotate di intelligenza artificiale diventeranno sempre più capaci, diminuiranno sempre di più gli umani. E’ una cosa che non possiamo impedire, perché nessuno può limitare l’uomo nell’impegnarsi a crescere sempre di più, a produrre sempre di più, a progredire sempre di più e a evolversi sempre di più. E’ la nostra natura, una natura che punisce chiunque gli vada contro.

I dati sulla distribuzione della ricchezza dimostrano, in soldoni, il concetto sopra esposto delle divisione della popolazione mondiale in due gruppi, i super produttori e gli eccessivi consumatori. I primi sono gli uomini liberi, i secondi no, sono schiavi, cioè si sbattono dalla mattina alla sera per far stare sempre meglio i loro padroni, che sono quelli che beneficiano dal loro lavoro.

Se sei stato condannato agli arresti domiciliari all’inizio del 2020 (lock-down), senza aver messo alcun crimine, e se sei vittima della pressione fiscale, cioè se sei obbligato, per legge, a pagare più della metà di quello che guadagni, allo Stato, allora sei parte degli schiavi.

I primi lavorano per sé stessi, i secondi lavorano per gli altri. I primi fanno soldi anche mentre dormono e con il passare del tempo vanno a stare sempre meglio, mentre i secondi, al contrario, si devono sbattere sempre di più, per sempre meno.
Quello che permette ai primi di crescere sempre di più, è la conoscenza e la capacità di sfruttare il Sistema.

Il Sistema è il meccanismo produttivo su cui si basa la vita dell’uomo sulla Terra. Il Sistema è il mondo. Se non consci il mondo, vivi di conseguenza al volere di altri, che sono quelli che il Sistema lo conoscono e lo sanno sfruttare e che tengono per le palle tutti gli altri, che non lo conoscono. Questo significa che se vuoi vivere in libertà e non vuoi essere tenuto per le palle, devi imparare il Sistema e ti devi organizzare per sfruttarlo, che è quello che posso insegnarti.

Quindi, la soluzione al problema Agenda 21, Nuovo Ordine Mondiale o Grande Reset, sta nel diventare super produttori, per diventare super contributori al progresso dell’umanità. Chi riuscirà a farlo potrà vivere in libertà, chi invece non ci riuscirà, potrà ambire solo alla sopravvivenza, governato da un regime socialista che prevede che il popolo sia recluso ai domiciliari e controllato a vista in ogni aspetto della sua vita, senza alcun diritto, nemmeno quello agli spostamenti e nemmeno quello alla procreazione.

Per la stragrande maggioranza delle persone, cioè per il 90% della popolazione, il problema non è una questione di vita o di morte, ma di vita o sopravvivenza, e il progetto La Soluzione, basato su un piano ben preciso che consiste nel raggiungere un gran livello di capacità produttive, di benessere a tutto tondo, non solo di produttività economica, è solo per chi vuole vivere.

Concludendo… Il mondo per come lo consociamo noi sta per finire e uno nuovo sta per cominciare. Nel nuovo mondo, cose come libertà, prosperità e felicità saranno un lusso per pochissimi, per quelli che contribuiscono a fare del mondo, un posto migliore.

Se vuoi far parte di questi, allora posso aiutarti.

Ecco siamo arrivati ala fine della prima parte. Se vuoi avere accesso al resto delle informazioni, dovresti inviarmi un’email presentandoti a dovere. Se riterrò opportuno, ti darò accesso alle altre 4-5 pagine in questo sito, in cui ho scritto cose a cui non voglio che tutti abbiano accesso, compreso chi sono. Non costa nulla accedervi, ma voglio fare selezione.

Spero che tutto quello che tu hai letto in queste pagine ti sia servito a capire che non sono uno che fa demagogia, uno che cioè dice quello che piace sentire alla gente.


Scrivimi

Presentati adeguatamente