Le cose da sapere sono molte, ma prima di approfondire, voglio che ti sia chiaro questo, in caso tu sia qui per semplice curiosità:

  1. La verità può risultare destabilizzante per molti, ingannati sulla vita, sul significato della loro esistenza e sul mondo. Sono persone che credono in menzogne, e chi più chi meno, siamo tutti educati a credere in menzogne, perché ci volevano schiavi, non uomini liberi. Il credo di molte persone è fondato su menzogne. Le verità possono far sentire il terreno muoversi sotto i piedi, fino ad arrivare a causare crisi esistenziali, cioè a non sapere più chi siamo e dove viviamo. Quindi, ti consiglio di pensarci bene, prima di entrare. In altre parole, entra a tuo rischio e pericolo.
  2. Quello che leggerai nelle pagine che seguono è quello che posso dire pubblicamente. Il resto lo dirò solo di persona, oppure in gruppi di almeno 50 persone, attraverso il Progetto Arca.
  3. Il mondo è pieno di cazzari, lo sappiamo, e sono il primo a dirlo. Sono loro la vera causa dell’imprigionamento delle masse nel mondo artificiale (Matrix).
    Funziona così… Le agenzie governative mettono in circolazione le menzogne, ma poi tutti quelli che ci credono poi le ripetono a pappagallo, fino a invadere le menti di miliardi di persone in tutto il mondo, contribuendo all’inganno e all’illusione. Io non sono uno di quelli. Io questi ciarlatani che si spacciano come portatori di verità ma che invece non fanno altro che ruminare cazzate e rivomitarle amplificate, li condanno. Speculano sul bisogno della gente di sapere e di capire e puntano a fare audience. Ce ne sono in tutti i settori, da quello dell’informazione a quello dell’economia e della finanza, da quello dell’imprenditoria a quello della politica.
    Le cose dicono sono quelle che fanno audience, quello che la gente, gli ingannati, possono capire, che sono le menzogne confortanti, non le verità. Si chiama fare demagogia e inneggiare al populismo. Non faccio parte di questi cazzari.
  4. Bisogna cambiare mondo, passando dal mondo degli schiavi, quello in cui non funziona nulla, al mondo dei liberi, quello in cui la vita funziona come dovrebbe, secondo le regole della natura e secondo il vero senso della vita dell’uomo, che se continuerai a leggere scoprirai qual’è.
    Bisogna entrare a far parte del mondo in cui sono stato per quasi vent’anni, ma bisogna raggiungere un livello superiore di quello in cui ero io.


Continua