Mi chiamo Gabriele Cripezzi, sono l’ex-insider in questione, e questa è la pagina di approfondimento sugli argomenti accennati nella home page di questo sito.

PROBLEMA – Perdita di tutti i diritti, e non solo, e schiavitù eterna.

Il Grande Reset è un piano attraverso il quale si vuole ripristinare gli equilibri fra produttività e consumi, il che richiede l’eliminazione del 90% della popolazione mondiale, i mediocri produttori, che tutti insieme sono eccessivi consumatori.

Gli equilibri fra produttività e consumi sono di fondamentale importanza per la continuazione dell’umanità, una continuità conseguente all’interesse dell’uomo a prosperare e a darsi da fare in tal senso. Se nessuno facesse nulla per ripristinare questi equilibri, l’umanità finirebbe, il che significa che il Grande Reset è un progetto a fini umanitari, e non contro l’umanità.

La gente pensa il contrario, cioè che sia un piano contro l’umanità, perché ne saranno vittime miliardi di persone in tutto il mondo. E’ un pensiero sbagliato, perché parte dal presupposto che queste persone siano umani, mentre invece non lo sono, secondo dei concetti umanistici basati sulla naturalità della vita dell’uomo, che sono i seguenti: l’aspetto che contraddistingue maggiormente la vita dell’uomo da quella degli animali, è l’interesse a prosperare. Chi non è interessato a prosperare (o non è capace di farlo) non si può considerare un uomo, cioè non fa parte degli umani. Il 90% della popolazione mondiale è composta da individui incapaci o disinteressati a prosperare, e quindi disumani.

Se pensi che umano sia l’entità animica con un corpo con due braccia e due gambe, e che cammina in posizione eretta, sbagli. L’aspetto antropomorfico non fa di un uomo, un uomo vero. L’uomo vero è colui che è interessato a crescere e a progredire, ad andare a stare sempre meglio, cioè a migliorare sempre di più la qualità della propria vita.

Il piano per il Grande Reset punta a eliminare i disumani, perché tutti insieme sono un peso enorme, insostenibile, per tutti gli umani.

Agenda 21 – Piano per la sostenibilità della vita degli UOMINI (umani) sulla Terra. –  https://www.mite.gov.it/pagina/lagenda-21
Agenda 21 – Piano per l’eliminazione del 90% della popolazione mondiale (entro la fine del 21° secolo), i disumani.
Adesso sai cos’è l’Agenda 21.

L’incapacità o il disinteresse a prosperare e a progredire del 90% della popolazione, fa di loro, oltre che a dei disumani, una zavorra al progresso dell’umanità, una zavorra che deve essere eliminata, per garantire alle nuove generazioni un mondo in cui poter vivere e prosperare secondo natura.

L’immagine sotto, relativa alla distribuzione della ricchezza nel mondo, descrive la separazione della popolazione mondiale in due mondi, quello delle masse schiave, non più utili, né come consumatori né come risorse umane, e quello dei benestanti, quelli che producono moltissimo e contribuiscono moltissimo al progresso dell’umanità. I primi sono i disumani, i secondi sono gli umani.

SOLUZIONE – Entrare a far parte del mondo dell’élite benestante.

Bisogna diventare eccellenti produttori, per poter essere super contributori al progresso dell’umanità.

Si diventa eccellenti produttori sfruttando il Sistema, il meccanismo su cui si basa la vita dell’uomo e la sua evoluzione, nonché il progresso dell’umanità, come imprenditori, cioè attraverso l’imprenditoria.

Il mondo per come lo conosciamo noi sta per finire e uno nuovo sta per cominciare. Nel nuovo mondo, la libertà, la prosperità e la felicità saranno un lusso per pochissimi, per individui capaci di vivere alla massima espressione, super produttori che contribuiscono molto al progresso dell’umanità.

Nel nuovo mondo, gli uomini non lavoreranno, avranno i robot e le macchine, dotate di intelligenza artificiale, che lavoreranno per loro. Il vecchio mondo è stato quello in cui alcuni sfruttavano tutti gli altri, loro schiavi (transumanesimo). Gli schiavi non servono più, perché le macchine, dotate di intelligenza artificiale, hanno raggiunto un livello di produttività tale da poter rimpiazzare moltissimi esseri umani.

Il progresso tecnologico, insieme all’ignoranza della gente su come funziona il mondo (Sistema), ha fatto sì che sempre più persone non fossero più utili ed è questa inutilità che ha fatto perdere sempre più diritti a sempre più persone, a quelli che lavoravano per vivere. Siamo arrivati, in Italia un paio di decenni fa, al punto in cui si lavorava per sopravvivere, non più per vivere, e adesso siamo al punto in cui tutti questi lavoratori stanno perdendo tutti i diritti, perché non più utili come lavoratori.

Il nuovo mondo sarà il mondo degli eccellenti produttori, che non sono lavoratori ma imprenditori e investitori.

Ci si può salvare solo attraverso l’imprenditoria, perché il livello di ricchezza economica che bisogna raggiungere per entrare a far parte del mondo degli uomini liberi, gli umani aventi diritto alla libertà e a tutto quello che serve all’uomo per vivere secondo natura, è un livello che si può raggiungere solo sfruttando le aziende private, quelle non quotate in borsa, per capirci.

Ci sono delle persone che mi pagano per trovare loro dei partners per avviare un progetto imprenditoriale. Sono uomini e donne, piccoli risparmiatori e investitori, titolari d’azienda e lavoratori dipendenti, padri e madri di famiglia che hanno capito che quello che sta succedendo è la fine e che hanno capito che il piano che ho proposto loro è l’unica via di salvezza, l’unico modo per poter garantire ai loro figli una vita degna di essere chiamata tale, da uomini liberi e sovrani, non da schiavi.

Queste persone mi pagano per trovare persone interessate a far squadra con loro per avviare un progetto imprenditoriale che serve a salvarsi dal Grande Reset e a salvare le aziende dal fallimento assicurato. Considerato quello che sta per succedere a miliardi di persone in tutto il mondo, il diluvio universale raccontato nella Bibbia, possiamo considerare questo progetto una specie di Arca di Noè.

Se sei interessato a sapere il resto, compreso come si fa a entrare a far parte del gruppo imprenditoriale “Arca”, scrivimi utilizzando il modulo sottostante. Ti risponderò dandoti accesso ad altre informazioni su questo sito, e ti metterò in contatto con le persone di cui sopra, le persone per cui lavoro.


Scrivici